ASSEMBLEA NAZIONALE DEI SOCI

Assemblea Nazionale dei soci 001

LA RICOSTRUZIONE DEL CRATERE COME OPPORTUNITA’ DI INNALZAMENTO DELLA NOSTRA CAPACITA’ DI RESILIENZA

 

Con il gruppo Autoricostruzione nel Cratere stiamo lavorando per inserire i cantieri in Autocostruzione Familiare (A.F.) tra quelli ammessi a contributo per la ricostruzione degli edifici lesionati dal sisma del 2016. Come noto, i cantieri in A.F. sono legali e inseriti nella normativa vigente in materia. Nonostante questo l’A.F. incontra spesso e ovunque difficolta’ nella sua affermazione, difficolta’ che pero sono essenzialmente di ordine culturale, causate dalla mancanza di conoscenza delle caratteristiche e delle possibilita’ dell’A.F. L’A.F. ha dinamiche e prospettive che rompono gli schemi usuali e convenzionali del mondo delle costruzioni e non e facile farlo capire agli addetti ai lavori. Nel caso specifico della A.F. per la ricostruzione, ci troviamo di fronte pero ad ulteriori e gravi complicazioni generate dal fatto di dover accedere a fondi pubblici e quindi ci doverci confrontare ed inserire in una struttura burocratica gia’ di per se’ altamente complessa. Il nostro tentativo di inserire una pratica di cantiere NON convenzionale come l’A.F. in una situazione generale, politica e amministrativa, caotica, statica e eccessivamente burocraticizzata, ci ha fatto capire che tutti i problemi che vivono gli abitanti del cratere non siano altro che l’emergere, in modo eclatante, di problemi strutturali del sistema in cui viviamo (abusivismo, eccessiva burocraticizzazione fine a se stessa, gestione della cosa pubblica effettuata in modo autoreferenziale senza aver presenti i bisogni veri della collettivita’ etc.) e che riguardano non solo gli abitanti del cratere ma noi tutti. Per questo motivo abbiamo sentito la necessità di approfondire le problematiche che ostacolano la ricostruzione e quindi anche l’auto-ricostruzione e quindi abbiamo deciso di ascoltare le storie dei protagonisti (professionisti, ricercatori, artisti, abitanti) che racconteranno la loro esperienza e le loro difficoltà.